Sermig

San Sergio di Radonez

Chiara Dal Corso - UOVA E COLORIdi Chiara Dal Corso - San Sergio di Radonez è uno dei santi più amati della Russia. Persona umilissima e modesta, non ha lasciato nessuno scritto ma molti racconti di lui testimoniano della sua santità e del suo amore per Cristo.
Vissuto tra il 1314 e il 1392, si dice che si fece monaco intorno ai trent’anni, divenne poi sacerdote e in seguito visse da eremita, diventando guida spirituale ed esempio per moltissimi monaci del tempo. Fondò inoltre il monastero della Santa Trinità, per molti anni poverissimo, in seguito centro di formazione monastica e anche iconografica: sembra che Andrej Rublev, pochi anni dopo la sua morte, si formò all’arte dell’icona tra le sue mura, e fu per questo monastero che compose la sua magnifica e notissima icona della Santa Trinità, riassunto teologico del grande amore per Dio che lo stesso Sergio aveva testimoniato nella sua vita. Oggi il monastero è centro spirituale di tutta la Russia e meta di pellegrinaggi.

Icona di San Sergio di RadonezSan Sergio ebbe un’influenza eccezionale nel monachesimo a lui contemporaneo e successivo, e nella vita spirituale del Paese.
Si racconta della sua mitezza, della vita eremitica, ritirato in un bosco e in condivisione con gli animali selvatici, si dice che compisse miracoli e avesse visioni mistiche. Ma la caratteristica più amata del santo è la sua umiltà. Per alleggerire la vita degli altri monaci riservava per sé i lavori più ingrati, portava un abito rattoppato e viveva in estrema povertà, a prima vista era impossibile immaginare che fosse lui lo straordinario eremita di cui la fama si andava diffondendo ovunque.

Nelle icone è rappresentato con il bastone da eremita in mano – o come in questa icona contemporanea, il rotolo della Parola di Dio – e rivestito del mantello monastico marrone con il cappuccio, la veste monastica blu o verde con croci rosse e la tonaca bianca, il volto incorniciato di barba e capelli bianchi e lunghi. Anche nell’icona c’è il tentativo di rappresentare la sua grande pacatezza, umiltà e profondità spirituale.

Chiara Dal Corso
UOVA E COLORI
Rubrica di NUOVO PROGETTO